Informadisabile
21 Gennaio 2019 Erogazione assegni di cura disabili gravissimi

Erogazione assegni di cura disabili gravissimi

PALERMO – Reset ritorna sulla questione dell’erogazione assegni di cura “Disabili Gravissimi”, La Regione Sicilia N.Q. De L’Assessore Ruggero Razza il 05/12/2018 ha diramato un comunicato stampa dove dichiara che, i fondi del 2019 verranno erogati “a partire dal 1 Aprile 2019”, senza specificare se quanto ha validità solo per le nuove richieste o anche per chi ha avuto accesso al fondo nel precedente anno. Alessandro Mugnas e Mario D’Asta dell’Associazione Politica Reset hanno dichiarato: Ritornare a parlare di assegni di cura per “Disabili” ci suscita sempre molto fastidio, avevamo evidenziato il problema ritardi nel 2018 e a quanto pare nel 2019 si ritorna punto e a capo.

L’Assessore Razza sia chiaro in merito alle erogazioni dei fondi alle Famiglie e dica se i pagamenti destinati il primo Aprile saranno solo per le nuove richieste inoltrate tra Novembre e Dicembre 2018, o anche per chi ha avuto accesso ai fondi nel 2018 “quindi continuativo e non d’accertare l’idoneità per l’accesso ai fondi”.

Se così fosse, ci spieghi come si fa ad attendere oltre 3 mesi i fondi o a sopravvivere e ce lo dimostri!!

Non crediamo che l’Ass.Razza percepisca il proprio stipendio con 90gg di arretrati, e anche quando, forse ancora ad oggi non si è compresa la gravità di quanto: gestire a casa un familiare con gravi problematiche psicofisiche e motorie non è affatto semplice, le attenzioni e le cure che vengono richieste sono di primaria importanza, anche un semplice raffreddore può mettere in pericolo la vita di chi è affetto dalle suddette disabilità.

Pertanto caro assessore Razza, per comprenderci attraverso “umili e semplici parole” noi e quando dico “noi” intendo anche Lei, lo stipendio lo possiamo percepire in ritardo, ma queste famiglie no, non possono ricorrere a prestiti per sopravvivere e affrontare le cure necessarie dei propri cari.

Si faccia chiarezza in merito e si dia priorità assoluta, altrimenti saremo costretti a mobilitarci insieme le famiglie, in una protesta democratica a Palazzo d’Orléans per far prevalere i diritti dei siciliani Disabili, andandocene solo quando avremo risolto la questione, presa e ripresa ormai troppe volte!!

Tagged on: