Informadisabile
17 Aprile 2018 Sicilia e disabilità: i conti non tornano

Sicilia e disabilità: i conti non tornano

PALERMO – «Nel Disegno di Legge di Bilancio Regionale 2018 – scrive Salvatore Garofalo, presidente del Coordinamento H per i Diritti delle Persone con Disabilità nella Regione Siciliana – le somme messe a disposizione per l’area della disabilità scontentano tutti, sono insufficienti e irrisorie, continuando a muoversi “nei limiti degli stanziamenti di bilancio”. La Regione Siciliana, invece, avrebbe l’obbligo di prevedere risorse congrue e risposte compiute e tempestive per le persone con disabilità, come sancisce anche una robusta giurisprudenza prodotta della Corte Costituzionale».

Oggi noi stimiamo che la congruità delle risorse per le persone con disabilità e per le loro famiglie sia di 500 milioni di euro. Tenendo dunque conto, come detto, della disponibilità di 198 milioni, è necessario incrementare ulteriormente il Fondo Regionale per la Disabilità di altri 300 milioni, ricordando innanzitutto che nell’ultima Sentenza citata della Corte Costituzionale (la 275/16) si afferma chiaramente che «è la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione». Il che significa che qualora non dovesse essere accolta la richiesta di congruità del fondo, si potrebbe arrivare, nostro malgrado, ad impugnare all’Autorità Giudiziaria l’intero Bilancio della Regione 2018, con tutte le conseguenze del caso che ne deriverebbero.

Tratto dal sito www.superando.it